Hai un obiettivo?

Che lo si voglia o no, noi esseri umani andiamo avanti solo per obiettivi. Prendere un diploma, trovare un lavoro, trovare una compagna/o, avere dei bambini… sono obiettivi comuni alla maggior parte delle persone. Una cosa è certa: senza un obiettivo siamo anime vaganti nell’oblio.

Solo avendo un obiettivo possiamo sapere se quello che stiamo facendo è corretto o meno e, nel caso non sia corretto, possiamo sempre aggiustare le cose affinché siano allineate con l’obiettivo che ci siamo posti. In questo capitolo vedremo quali sono le caratteristiche essenziali di un obiettivo e come organizzare la nostra vita per poter raggiungerlo nei tempi previsti.

Caratteristiche di un obiettivo

Occorre fare molta attenzione a non confondere gli obiettivi con i desideri. “Vorrei andare in crociera” è un desiderio, “La prossima estate vorrei andare in crociera” è un obiettivo. Quali sono allora le caratteristiche di un obiettivo per essere definito tale? Poche e semplici:

  • Ambizioso ma non impossibile
  • Deve avere una collocazione temporale
  • Deve essere ben definito
  • Deve essere misurabile

La caratteristica di ambiziosità di un obiettivo è la condizione essenziale per mantenere in noi quel livello di tensione, di eccitazione ed entusiasmo che si generano vedendo l’approssimarsi dello stesso obiettivo il quale, d’altra parte, non deve essere irraggiungibile, per non scoraggiarci o deprimerci a causa dell’insuccesso.

È fondamentale che l’obiettivo abbia una scadenza. Ecco perché “Vorrei andare in crociera” non è un obiettivo, perché non ha una collocazione temporale. Se l’obiettivo è raggiungere il fatturato di un milione di euro in cinque anni, dopo due anni indicativamente dovrete aver raggiunto almeno 400.000 Euro, e dopo un anno il vostro fatturato dovrà essere di almeno 200.000. La collocazione temporale vi consente quindi di suddividere l’obiettivo in tanti micro-obiettivi che potrete facilmente monitorare nel corso del tempo. Se non riuscite a raggiungere i micro-obiettivi sarà necessario rivedere o la strategia o l’obiettivo finale.

Un obiettivo deve essere inoltre ben definito: “Voglio guadagnare molto” non è un obiettivo, mentre in vece lo è “Voglio guadagnare 100.000 euro entro il prossimo anno”. Il fatto che un obiettivo sia misurabile è un altro dei requisiti essenziali. Se posso misurarlo, posso anche in qualche modo sapere a che punto sono sulla strada del suo raggiungimento.

È giunto ora il momento di scrivere quelli che sono i vostri obiettivi. Potranno essere di varia natura: lavoro, guadagno, famiglia, una vacanza, una vettura nuova. L’importante è che soddisfino le caratteristiche esposte precedentemente.

Prendete dunque carta e penna e annotate i vostri obiettivi. Scomponeteli in micro-obiettivi e studiate delle strategie per raggiungerli. Se i vostri obiettivi rientrano nel campo del business, nelle prossime pagine troverete consigli utili sulle strategie da adottare.

Questa informazioni sono estratte dall’ebook “Trasforma il tuo lavoro in un business”, che puoi acquistare su top-ebook.it.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *